Raccogliere acqua dall’aria

Quando cerco raccogliere acqua dall’aria su google mi compaiono una serie di articoli che parlano di alcuni progetti molto interessanti.

Warka Water

Il più famoso mi pare essere il Warka Water, progettato e realizzato da un architetto italiano.

Warka Water è una torre in grado di ricavare acqua dallaria. Costa solo 1000 dollari e può raccogliere fino a 80 litri d’acqua al giorno ed è stata installata per la prima volta nel 2015 in Etiopia

Dual-Stage Atmospheric Water Harvesting Device for Scalable Solar-Driven Water Production

Poi c’è un progetto ad energia solare realizzato in cooperazione di un team di ingegneri del MIT (Massachusetts Institute of Technology), della University of Utah e del centro di ricerca e sviluppo della Samsung Electronic.

Alcuni ricercatori hanno sviluppato una tecnologia che si è dimostrata in grado di raccogliere efficacemente acqua potabile dall’aria.

In pratica

Il cuore del progetto è un “deltaT”. In che senso? Il dispositivo inventato sfrutta una differenza di temperatura per consentire a un materiale adsorbente – che raccoglie il liquido sulla sua superficie – di catturare umidità durante la notte e rilasciarla il giorno successivo. Quando il materiale viene scaldato dalla luce solare, la differenza di temperatura tra la parte superiore e inferiore del sistema, fa sì che le goccioline assorbite vengano rilasciate per poi condensarsi su un piatto di raccolta.

Mof, metal organic frameworks

Un terzo progetto realizzato da un team di ricercatori della University of California, Berkeley, e del King Abdulaziz City for Science and Technology in Arabia Saudita che è riuscito a raccogliere acqua potabile in una delle regioni più aride dell’Arizona.

Il nuovo dispositivo funziona utilizzando i così detti MOF, che sta per metal organic frameworks, ovvero

materiali cristallini con porosità molto elevata, in grado di immagazzinare grandi quantità di gas e liquidi che vengono poi rilasciati molto rapidamente appena questi materiali vengono riscaldati.

Dove trovare questi dispositivi?

Tutto molto bello. Ma dove si trovano questi dispositivi? Quanto costano? Dove poterli acquistare?

Io ho cercato in giro, ma non trovo né progetti, né i materiali che mi potrebbero portare a costruirli.

Il Warka Water, per esempio, sembra di facile costruzione. Magari costruendo una torre di qualche metro per raccogliere una decina di litri al giorno. Ma la rete interna che trattiene l’umidità che rete è? Basterebbe un semplice frangivento? O si tratta di materiali ad alta tecnologia?

Reti raccoglie nebbia

Cercando ho trovato che esistono delle reti che raccolgono la nebbia e la incanalano per la raccolta. Ma di che reti si tratta? Si trovano in commercio? Alla vista, nei video sembrano dei semplici frangivento. Ma si tratta di frangivento? A chi chiedere?

L’acqua dove c’è già l’acqua?

Questi progetti raccontano raccolte di acqua dagli 80 litri ai 100 litri al giorno. E per me, che so cosa sia la siccità, mi sembrano misure notevoli.

A me ne basterebbero 10/20 libri al giorno.

Il mio unico dubbio, almeno dai video visti, è che questi dispositivi funzionino dove l’acqua c’è gia.

Di sicuro, come spiegato da tutti, le reti raccogli nebbia, non creano l’acqua, ma appunto ne condensano le grandi quantità nell’aria.

Ecco, quanta umidità è necessaria per condensarla? Cioè basta l’umidità delle notti siciliane per raccogliere l’acqua, oppure parliamo di territori ad alto tasso di umidità, tipo tropicale, dove comunque la vegetazione è florida?

Metodi di agricoltura elementare

Leggo anche di metodi elementari o di non metodi che invitano a non irrigare ma a pacciamare, per mantenere l’umidità del terreno, ma lo fanno in territori piovosi e freschi.

Anche in Sicilia, leggo di persone che non irrigano i campi, ma in giardini e terreni dove tutti intorno irrigano e concimano. Quindi il terreno non si inaridisce mai.

Alla ricerca di una soluzione

Qui il problema è di ridare vita ad un terreno che vita non ne ha, o ne ha pochissima.

Nasce l’erba e dovrebbe nascere anche altro. Ma è davvero così?

Insomma, per ridare vita al mio Terreno da incubo ho bisogno di acqua. Anche poca, ma almeno per la piantumazione l’acqua è necessaria. Al momento la carico a mano. Ma è una grande fatica.

Creare un sistema di raccolta sul luogo sarebbe una grande cosa.

Suggerimenti? Resto in ascolto per consigli su come raccogliere l’acqua dall’aria.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.